[Comunicato stampa Giunta regionale Veneto]
SARS: ASSESSORE GAVA; "SE SERVE SIAMO PRONTI"

martedì 9 settembre 2003


1515/2003 (SAN)

 

 

(AVN) Venezia, 9 sett. - "Se serve siamo pronti. L'ipotesi che la Sars possa ripresentarsi non è mai stata scartata, sia a livello scientifico che a quello politico-istituzionale e, anche se un caso sospetto a Singapore non può essere considerato come la ripresa della malattia, la rete di sorveglianza e di controllo della scorsa primavera è pronta a rientrare in funzione". E' questo il commento dell'assessore regionale alla sanità del Veneto Fabio Gava alla notizia della ricomparsa in estremo oriente di un caso sospetto della malattia che tanto allarme aveva suscitato in tutto il mondo alcuni mesi orsono. "Se nelle prossime settimane o mesi la questione dovesse ripresentarsi - aggiunge Gava - non dovrebbe peraltro creare tutti i problemi della volta precedente, perché le conoscenze scientifiche si sono affinate, la capacità di individuare la sintomatologia è fortemente accresciuta, l'organizzazione per fronteggiarla c'è, così come c'è un maggior coordinamento e consapevolezza a livello internazionale". "Tutta l'organizzazione allestita in Veneto sulla base delle linee guida nazionali - precisa Gava - non è stata smantellata". Essa si basa su una struttura scientifica, la Commissione Regionale per la Prevenzione e il Controllo della Sindrome Acuta Severa - Sars, presieduta dall'assessore e composta da sei esperti e su una rete di strutture sanitarie di assistenza e di controllo. Si tratta di circa 200 letti di malattie infettive negli ospedali di tutti i capoluoghi di provincia più Negrar e Legnago (Verona); di un laboratorio di microbiologia di riferimento (all'Azienda Ospedaliera di Padova); di due rianimazioni con isolamento totale (a Padova e Verona). Possibile anche riattivare immediatamente, se arriveranno indicazioni in tal senso dal livello nazionale, i punti di controllo sanitario nei tre aeroporti veneti (Venezia, Verona e Treviso) che ricevono voli internazionali diretti. "Come coordinatrice delle Regioni italiane in materia di sanità - aggiunge Gava - il Veneto sta anche organizzando un Seminario interregionale di formazione sulla Sars, che si terrà entro il mese e che sarà rivolto al personale sanitario". L'obbiettivo è quello di fornire una base di conoscenza comune ai referenti per la Sars delle Regioni e Province Autonome; facilitare la realizzazione di una rete interregionale di controllo delle emergenze infettive; rendere disponibili percorsi formativi standard; migliorare la capacità di condurre una informazione istituzionale rivolta al cittadino io tema di Sars.