[Comunicato stampa Giunta regionale Sardegna]
FINANZA PUBBLICA, IL GOVERNO MANTIENE I PATTI E LA GIUNTA RITIRA I

martedì 10 marzo 2015


 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Cagliari, 10 marzo 2015 - In meno di 12 mesi la Giunta Pigliaru ha ottenuto risultati fondamentali in tema di finanza pubblica: la Sardegna è fuori dal patto di stabilità, prima in Italia, col grande vantaggio di poter spendere tutto ciò che incassa, potrà così pagare tutti i debiti accumulati negli anni precedenti (residui passivi) e ha ottenuto - unica regione - di poter utilizzare le riserve erariali per abbattere il proprio debito pubblico e non quello nazionale. Vantaggi documentati, concreti e tangibili per tutti i sardi: perciò l'esecutivo Pigliaru, come previsto dall'accordo firmato a luglio con il governo centrale e come già hanno fatto le altre Regioni a statuto speciale (Alto Adige, Trentino, Friuli), nella Giunta di questa mattina ha ritirato i ricorsi ancora pendenti con il Governo di fronte alla Corte Costituzionale. L'accordo, e dunque il ritiro dei ricorsi, non riguarda invece in alcun modo  il versante della Vertenza Entrate, dove sono già stati ottenuti importanti risultati (pieno riconoscimento del diritto della Sardegna alla compartecipazione in base all'articolo 8 dello Statuto e anticipazione di 300 milioni degli arretrati) ma che al momento resta ancora aperto.  

"Il Governo sinora ha mantenuto gli impegni presi con noi a luglio e noi oggi manteniamo i nostri, chiudendo il contenzioso che riguarda le materie oggetto di quell’accordo", dice il presidente Francesco Pigliaru. "Tutto il nostro impegno, ora, va sulla Vertenza Entrate. Sono due i fronti su cui stiamo lavorando: un costante confronto con lo Stato per la definizione delle norme di attuazione che portino al pieno riconoscimento e alla quantificazione delle nostre entrate e la predisposizione di un disegno di legge sull'Agenzia regionale delle Entrate. La Vertenza Entrate è una partita aperta – conclude Pigliaru – ma gli importanti risultati che abbiamo ottenuto sino a questo momento ci fanno essere ottimisti".

 

STOP AL PATTO, OSSIGENO PER LA SARDEGNA – Grazie all'accordo firmato il 21 luglio a Roma sul pareggio di bilancio, tutto quello che entra nelle casse della Sardegna potrà essere speso, senza più sottostare agli assurdi vincoli del patto di stabilità. Significa, solo per il 2015, poter effettuare pagamenti per circa 700 milioni in più rispetto al 2014. Non solo: tutti gli arretrati dovuti dal Governo possono essere utilizzati senza alcun limite di spesa per pagare i residui passivi fin qui accumulati, ovvero le promesse di pagamento con Enti Locali, Imprese, Associazioni finora  mai saldate proprio a causa dei vincoli del Patto. Solo in questi primi mesi quasi un miliardo di euro: i 300 milioni della Vertenza Entrate, altri 350 dovuti ed erogati da Roma e 320 ricevuti da Bruxelles. "Da quest'anno non accadrà più che la Regione farà promesse di pagamento che non potrà mantenere: spendendo tutto quello che incassiamo riusciremo a chiudere i debiti pregressi e soprattutto a non aprirne nuovi. È un risultato straordinario perché non stiamo più parlando di promesse di pagamento, non più cifre stanziate e non spendibili ma solo certezze – sottolinea l'assessore della Programmazione e del Bilancio Raffaele Paci – I primi giorni di febbraio abbiamo pagato un terzo dei debiti con Enti Locali, Università, Cultura, Agricoltura, Sanità e Sociale, per fare solo alcuni esempi. Vogliamo chiudere la partita dei debiti entro quest'anno, in modo da ripartire nel 2016 con la consapevolezza di non dover più pensare al passato ma di poterci concentrare solo sulle cose da realizzare nel presente e per il futuro della Sardegna". 

 

RISERVE ERARIALI, IN SARDEGNA I SOLDI DEI SARDI - Le tasse aggiuntive pagate dai sardi per abbattere il debito pubblico rimarranno in Sardegna e saranno usate solo ed esclusivamente per ridurre il debito pubblico dei sardi: si tratta di 200 milioni all'anno per 4 anni. Con il comma 5 dell'articolo 38 del ddl Stabilità, il Governo lo scorso dicembre ha riconosciuto alla Sardegna il diritto a trattenere nell'Isola il ricavato delle cosiddette tasse di scopo. Si tratta di un risultato importante, auspicato anche dall'ordine del giorno unitario approvato all'unanimità dal Consiglio regionale lo scorso 2 ottobre. "Dunque i soldi dei sardi rimangono ai sardi e allo stesso tempo viene ribadita la sovranità della Sardegna in materia di entrate così come stabilito dallo Statuto: soluzione semplice ma molto forte nei suoi significati politici e simbolici", sottolinea il vicepresidente della Regione. C'è poi un altro vantaggio. "Tutto questo significa che il nostro debito pubblico si riduce notevolmente, pagheremo molto meno la rata del mutuo (risparmieremo circa 40 milioni solo nel 2015), dunque sarà più sostenibile la contrazione del nuovo mutuo per il Piano Infrastrutture che rimetterà in moto l'economia dell'Isola e l'aiuterà a superare lo storico gap che tanto la penalizza. Si sostituisce il vecchio debito con alti tassi di interesse con nuovi mutui a tassi bassissimi – spiega l'esponente della Giunta Pigliaru – Complessivamente perciò diminuiscono rate e indebitamento".

 

VERTENZA ENTRATE, FRONTE APERTO – Nell'incontro del 19 dicembre scorso al Ministero dell'Economia e delle Finanze la Sardegna ha ottenuto il pieno diritto al riconoscimento delle somme mai pagate fra il 2010 e il 2014 all'interno della Vertenza Entrate  per la partita che comprende gli arretrati Ires, Riserve finanziarie e Giochi. Il 16 gennaio, in attesa di quantificare esattamente il dovuto, il Governo ha staccato un assegno da 300 milioni come anticipo sugli arretrati. Tutti soldi fuori patto, importanti "per mitigare gli effetti della crisi e per mettere ordine nel disordine ereditato", sottolinea il presidente Pigliaru. La quantificazione esatta di quella cifra sarà fatta nei prossimi mesi all'interno dei lavori della Commissione paritetica per la definizione delle Norme di attuazione dell'articolo 8 dello Statuto. "Adesso continueremo a usare tutti gli strumenti necessari per chiudere positivamente questa vertenza", assicura l'assessore Paci. Allo stesso tempo, la Giunta sta lavorando a un disegno di legge sull'Agenzia Sarda delle Entrate che abbia compiti di accertamento e riscossione delle proprie entrate, a garanzia dell'autonomia della Sardegna e del controllo su entrate proprie e compartecipazioni erariali.