IMMIGRAZIONE:FINI,FOCUS NON SIA SU CLANDESTINI MA SU INTEGRAZIONE

lunedì 25 ottobre 2010



ZCZC
AGI0236 3 POL 0 R01 /

(AGI) - Rovigo, 25 ott. - Il Presidente della Camera,
Gianfranco Fini, avrebbe piacere che il dibattito
sull'immigrazione si spostasse da i temi della clandestinita' a
quelli dell'immigrazione. Fini, parlando con gli studenti delle
scuole superiori di Rovigo, ha detto che "non cambierei una
virgola di quella legge (la Bossi-Fini sull'immigrazione, ndr)"
ma che il problema non e' quello di chi puo' entrare nel nostro
Paese quanto piuttosto "integrare nella nostra societa' chi ci
sta rispettando le regole". Se per Fini e' chiaro che "in
Italia puo' entrare stabilmente chi ha un reddito" e'
altrettanto lampante che "coloro che vengono qui molte volte
mettono le radici". Il Presidente della Camera ha ricordato che
nel mondo ci sono stati principalmente due modelli per
l'integrazione: quello francese dell'assimilazionismo e quello
del Regno Unito del melting pot. "Oggi entrambi sono in crisi
ma spero che in un grande Paese come l'Italia, in cui queste
sfide sono nuove, si alzi il dibattito e si smetta di pensare
solo alla sorte dei clandestini e piuttosto si discuta
dell'integrazione". Un'integrazione, ha rimarcato, "che e'
complicata soprattutto quando hai a che fare con l'Islam: e'
chiaro che ogni fede merita rispetto, ma rispetto all'occidente
il mondo musulmano si trova in una condizione diversa, in
particolar modo per quanto riguarda la laicita' delle
istituzioni". (AGI)
Cli/Car/Msc
251312 OTT 10

NNNN