Turismo: Regione Marche vara piano promozionale 22 mln euro Riposizionamento in Italia e estero. Tante offerte, brand unico

martedì 9 giugno 2020


ZCZC1300/SXR
OAN20160006082_SXR_QBKM
R CRO S43 QBKM

   (ANSA) - ANCONA, 08 GIU -    Sono "strategie e obiettivi
molto concreti e puntuali" quelli che si pone il Programma
promozionale turistico 2020, approvato dalla giunta regionale.
Obiettivi elaborati a inizio anno e rimodulati durante
l'emergenza sanitaria: disporranno, tra risorse del bilancio
regionale e fondi Por Fesr 2014-2020, di 22 milioni e 270 mila
euro. In primo piano, rafforzamento e riposizionamento del brand
Marche verso l'Italia e l'estero "considerati i risultati
importanti degli ultimi tre anni per incremento di presenze
turistiche in regione", potenzianado le azioni promozionali.
"Come siamo tutti consapevoli - ha detto Moreno Pieroni,
assessore regionale al Turismo Cultura - il turismo in ogni
filiera ha risentito e risente pesantemente delle misure messe
in atto a causa  della pandemia. Abbiamo individuato un
complesso di attività di comunicazione e promozione, puntando
agli elementi di differenziazione dell'offerta, rendendoli punti
di forza per una maggiore attrattività, che abbia come messaggio
forte: tante offerte ma unico brand. (ANSA).

     COM-CAD
08-GIU-20 19:14 NNN

ZCZC1392/SXR
OAN20160006126_SXR_QBKM
R CRO S43 QBKM
 (2)

   (ANSA) - ANCONA, 08 GIU -    "Un sistema coeso con tante
offerte e unico brand; un sistema organizzato, attento a curare
l'immagine complessiva delle Marche". E' il messaggio centrale
del programma di promozione turistica della Regione. "In questo
strumento di programmazione, - commenta ancora Pieroni -
mettendo a disposizione una mole di risorse che potrà essere
incrementata con atti successivi, abbiamo voluto ribadire da una
parte la valenza di alcune qualità consolidate e dall'altra
l'adattamento al momento attuale ridisegnando una strategia che
parte dall'analisi della domanda turistica e che vuole
valorizzare una forte propensione all'accoglienza ed alla
sicurezza dei luoghi".
   Si punterà inoltre "alla prossimità alle mete italiane più
importanti, alla varietà e significatività delle emergenze
turistico-culturali, alla peculiarità del paesaggio multiforme
(mare, dolci colline, montagna), all'enogastronomia tra le
migliori eccellenze italiane, industria del fashion. Punti di
forza e quindi anche punti di 'ripartenza'".
   "Ripartiamo dal turismo e con il turismo - osserva il
presidente Luca Ceriscioli - da dove ci eravamo lasciati prima
del Covid, con l'ottimo riconoscimento Marche Best in Travel
2020 di Lonely Planet e moltissime iniziative e progetti in
cantiere. Il turismo per noi è una ricchezza importante anche in
termini di addetti, e quindi di possibilità di lavoro. Non
ultimo, il turismo è una risorsa non delocalizzabile. Quindi
investire sul turismo significa creare valore stabile per il
nostro territorio".
   Il Piano promozionale turistico 2020, vista l'emergenza
Covid-19, spiega la Regione, "tiene conto di una exit strategy
che ha reso urgente integrare ulteriori forme di intervento
rispetto alle azioni già previste,  tra cui assicurare liquidità
per le imprese del turismo ,anche mediante le misure regionali
di Confidi Marche; supportare gli operatori turistici per
l'adeguamento delle strutture ricettive, balneari e della
ristorazione alle nuove normative della sicurezza sanitaria;
incentivare il flusso dei turisti che provengono da fuori
regione in auto, bus e treno, anche con rimborso di una quota
delle spese di viaggio". Vuole inoltre "sostenere gli operatori
dell'incoming Marche (Otim) che nel corso del 2020 investano in
attività di accoglienza di tipo esperienziale a favore di
turisti che soggiorneranno nel territorio regionale; predisporre
un nuovo Piano di promozione turistica mirato al target Italia,
con particolare riguardo a regioni considerate strategiche, al
turismo interno regionale, anche mediante promozione online e
social". (ANSA).

     COM-CAD
08-GIU-20 19:29 NNN