ANSA-BOX/Via altoatesina per green pass, anche Vda accelera

mercoledì 21 aprile 2021



ZCZC8947/SXR
XCI21111015841_SXR_QBKA
R CRO S56 QBKA

Per Kompatscher è "progetto pilota". Gelmini frena, ma Zaia tifa
di Stefan Wallisch
(ANSA) - BOLZANO, 21 APR - Bolzano prosegue sulla via
altoatesina e punta a introdurre il green pass per l'accesso ai
ristoranti già da lunedì prossimo. Dal ministro degli Affari
regionali Mariastella Gelmini arriva un invito alla prudenza,
ipotizzando addirittura l'impugnazione dell'ordinanza, ma il
presidente altoatesino Arno Kompatscher smorza i toni e
rivendica il ruolo di "progetto pilota". Per una volta Bolzano
può contare sul tifo del governatore veneto Luca Zaia e il
'Gruener Pass' piace anche ad Aosta.
"Non è ancora tempo per quel provvedimento", ha messo in
guardia Gelmini, ricordando che "il governo sta pensando al
green pass, con i tre criteri (tampone negativo, guarigione,
vaccinazione, ndr.), ma servono regole nazionali, non
regionali". "Sapete che non mi piace impugnare le ordinanze
regionali. Il green pass sarà una rivoluzione, un cambio di
passo", ha aggiunto Gelmini. Kompatscher, a sua volta, ha
ribadito che "le basi scientifiche e giuridiche del progetto
sono in linea con i piani del governo per le prossime settimane"
e l'iniziativa di Bolzano "può essere vista come un progetto
pilota". Il passaporto Covid altoatesino è stato anche al centro
di un colloquio di Gelmini con il Gruppo per le Autonomie.
"L'economia di montagna è stata quella più penalizzata dalle
chiusure degli ultimi mesi. I nostri ristoratori, i
commercianti, tutti gli operatori economici non capirebbero
affatto un governo nazionale che si mette di traverso a questo
tentativo di guardare in avanti in sicurezza", ha ricordato
Julia Unterberger (Svp) dopo l'incontro.
Bolzano può contare sul sostegno del Veneto. "Condivido quel
che fanno, la loro fortuna è che hanno l'autonomia", ha detto il
presidente Luca Zaia. "Ovviamente però - ha sottolineato - non
possiamo scaricare sui cittadini il costo della loro libertà".
Anche la Regione Valle d'Aosta sogna il 'passeport vert'
regionale. "La nostra intenzione è quella di dare ai cittadini
uno strumento agile e veloce per attestare le condizioni che
permetteranno di spostarsi con maggiore libertà e di accedere a
servizi, a livello nazionale ed europeo. La direzione è
esattamente opposta a quella di imporre vincoli". Così il
presidente della Regione Valle d'Aosta Erik Lavevaz e
l'assessore alla sanità, Roberto Barmasse.
A livello nazionale il lasciapassare si chiamerà invece
"certificazione verde" e permetterà lo spostamento tra regioni
di colore diverso. Avrà - come previsto da una bozza del nuovo
decreto - una durata di sei mesi per i vaccinati e i guariti e
di 48 ore per chi si sottoporrà a test antigenico o molecolare
con esito negativo. La certificazione viene rilasciata già alla
somministrazione della prima dose di vaccino. Sarà in formato
cartaceo o digitale e sarà compilato dalla struttura presso la
quale è stato effettuato il vaccino. Nel documento, che
confluirà poi nel fascicolo sanitario elettronico
dell'interessato, oltre ai dati anagrafici sarà riportato anche
il numero di dosi somministrate rispetto al numero di dosi
previste. Per le persone guarite, il certificato sarà rilasciato
dalla struttura presso la quale è avvenuto il ricovero del
paziente o, per i non ricoverati, dai medici di medicina
generale e dai pediatri di libera scelta. Il pass, però, cessa
di avere validità qualora l'interessato risulti successivamente
di nuovo positivo al Covid. Chi si sottoporrà a test antigenico
rapido o molecolare con esito negativo avrà una certificazione
verde della durata di 48 ore che sarà rilasciato dalla struttura
stessa che ha effettuato il tampone: strutture sanitarie
pubbliche, private e accreditate, farmacie, medici di medicina
generale o pediatri. Chi falsifica il pass rischia anche il
carcere. Il pass resterà in vigore fino all'attivazione della
piattaforma europea, nella quale saranno convogliati anche i
certificati nazionali. a quel punto entrerà in vigore il
cosiddetto DGC-Digital Green Certificate, interoperabile a
livello europeo. (ANSA).

WA
21-APR-21 17:03 NNN