Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3429 - venerdì 27 luglio 2018

Sommario
- Conferenza delle Regioni straordinaria per il 1° agosto
- Autonomia: incontro positivo tra Bonaccini e Stefani
- Rossi: Toscana chiede regionalismo rafforzato e differenziato
- Autonomia: Fontana incontra Stefani, individuate prime 15 materie
- Autonomia: Marini, Ceriscioli e Toma incontrano Stefani
- Cassa Ammende-Regioni: Accordo per inclusione sociale detenuti

+T -T
Autonomia: incontro positivo tra Bonaccini e Stefani

Consegnato il progetto dell'Emilia-Romagna

(Regioni.it 3429 - 27/07/2018) “Ci sono tutte le condizioni per accelerare” sull'autonomia dell'Emilia-Romagna. Così il presidente Stefano Bonaccini, dopo l’incontro del 26 luglio con il ministro per gli Affari regionali, Erika Stefani, in merito alla richiesta di maggiore autonomia della regione su alcune materie, così come prevede l’articolo 116 della Costituzione. La richiesta è di 15 competenze. Sulle singole materie – spiega Bonaccini – “possono già partire i tavoli tecnici di approfondimento, nel frattempo perfezioneremo la nostra proposta”.
“E’ stato un pomeriggio molto intenso – afferma il ministro per gli Affari Regionali, Erika Stefani - ma assolutamente entusiasmante, perché unitamente al presidente Bonaccini per l'Emilia-Romagna, con il quale stiamo facendo una trattativa e erano già state stipulate delle pre-intese, abbiamo incontrato il vicepresidente del Piemonte, e i presidenti di Toscana, Marche e Umbria, che intendono unirsi ad un percorso per l'autonomia. I governatori hanno portato delle richieste di competenze calibrate sulle specialità delle loro regioni e questo credo che sia un modo diverso di vedere il rapporto tra lo Stato e le Regioni”.
Stefani aggiunge che “l'autonomia viene vista come esaltazione e valorizzazione delle specialità locali e tutti i governatori hanno espresso anche un altro principio fondamentale, che è quello della responsabilità”.
“L’incontro è andato davvero molto bene, - rileva Bonaccini - con la piena e reciproca volontà di collaborare insieme per arrivare all’obiettivo comune che per quanto ci riguarda è la maggiore autonomia per l’Emilia-Romagna. Con l’auspicio, ribadisco, che ci sia il via libera del Parlamento entro l’anno”.
Alle 12 materie già definite, l’Emilia-Romagna aggiunge agricoltura, acquacoltura, protezione della fauna e attività venatoria; cultura e spettacolo e sport: in totale 15, tutte nell’ambito di aree strategiche come politiche per il lavoro, istruzione, sanità, tutela dell'ambiente e dell'ecosistema, relazioni internazionali e rapporti con la Ue.
“Anzitutto altre Regioni – spiega Bonaccini - stanno decidendo di intraprendere la strada che per primi come Emilia-Romagna abbiamo battuto, e questo ci conforta sulla bontà della scelta fatta. In secondo luogo, come si è visto anche nel dibattito in assemblea ieri, tutte le forze politiche condividono la scelta di fondo. Certo - precisa il presidente della Regione - ciascuno con la propria sensibilità e il proprio punto di vista, ma è estremamente importante e positivo che questo nuovo processo riformatore avvenga senza strappi e contrapposizioni”.
Infine, “abbiamo posto una questione di metodo sia in Conferenza delle Regioni, sia con la ministra, su cui abbiamo registrato consenso: affinché il percorso sia lineare, trasparente e non conflittuale, è importante individuare uno strumento normativo uguale per tutte le Regioni. È legittimo avere opinioni diverse su quale sia lo strumento preferibile. Noi abbiamo fatto le nostre proposte, e cioè una proposta di legge governativa sulla base dell’intesa definitiva con le Regioni, approvata dalle Camere a maggioranza qualificata, e ci confronteremo. Certamente non faremo barricate e non abbiamo preclusioni, purché si trovi la soluzione più efficace e condivisa per fare in fretta e bene. Ma alla fine – sostiene Bonaccini - servirà una scelta comune e mi conforta aver trovato condivisione anche su questo”.
 
Tutti gli approfondimenti sul progetto maggiore autonomia per l’Emilia-Romagna, dalla cronologia al dettaglio delle competenze richieste, fino ai documenti approvati, possono essere consultati nella sezione dedicata del sito della Regione Emilia-Romagna, al link: http://www.regione.emilia-romagna.it/autonomiaer


( gs / 27.07.18 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top