= La Notizia: Expo, Renzi 'Stato piu' forte dei ladri' (ore 14)

martedì 13 maggio 2014



ZCZC
AGI0407 3 POL 0 R01 /

== La Notizia: Expo, Renzi 'Stato piu' forte dei ladri' (ore 14) =
(AGI) - Roma, 13 mag. - Nessuna marcia indietro sull'Expo. Il
presidente del Consiglio, Matteo Renzi, oggi a Milano per
ribadire con forza la centralita' dell'Expo, ha garantito: "Non
ci lasceremo rubare il futuro dai ladri. Chi ruba va fermato ma
non si fermano le opere, si fermano i ladri". E ancora: "Sono
qui, a dispetto dei sondaggi - ha aggiunto Renzi - per dire che
il governo fara' la sua parte. Non bisogna mollare, bisogna
vincere la sfida dell'Expo".
Per il premier - che ha presieduto una riunione nella sede
dell'Expo, assieme al presidente dell'Autorita' Anticorruzione,
Raffaele Cantone, alla guida del team legale che affianchera'
la societa' nella valutazione e nella gestione degli appalti -
Expo "deve diventare fiore all'occhiello" del Paese, perche'
"se vinciamo la sfida dell'Expo facciamo l'Italia. Se ci
tiriamo indietro - ha messo in guardia Renzi - magari non
saremo l'Italietta, ma non saremmo piu' coerenti con i nostri
valori. Milano e' un punto di riferimento per l'intero Paese,
grazie a tutti coloro che non mollano e ci credono. L'Expo e'
una strepitosa opportunita'".
Renzi, tuttavia, non ha dubbi: "Saremo operativi nel
rispetto di tutte le scadenze perche' vogliamo arrivare in
tempo". Il presidente del Consiglio, che ha voluto incontrare
gli imprenditori milanesi, ha anche affrontato il tema delle
inchieste giudiziarie e dei conseguenti arresti, assicurando di
"non sottovalutare quanto e' successo", anzi "provo un senso di
sbigottimento e amarezza a vedere indagati e nomi che tornano
da un passato che sembrava archiviato".
Le parole e le decisioni assunte dal premier trovano il
pieno plauso del ministro dell'Interno, Angelino Alfano: "Ho
condiviso molto sia la scelta di Cantone sia della task force,
ora occorrera' accendere un faro ancora piu' luminoso su tutti
questi fatti e sulle procedure: siamo convinti che ad aprile
prossimo l'Italia si presentera' con una vetrina completamente
trasparente e pulita e con un buon risultato", ha spiegato il
titolare del Viminale. Il governatore lombardo, Roberto Maroni,
condivide l'incarico affidato a Cantone, ma chiede gli siano
assegnati "piu' poteri". Per la presidente della Camera, Laura
Boldrini, l'Expo "e' una occasione importantissima: non puo' e
non deve fallire". Forza Italia, con il consigliere politico
Giovanni Toti, invita il premier a "metterci la testa e non
solo la faccia, il governo deve fare la sua parte per sostenere
l'Expo". Toti torna poi a criticare l'enfasi e la diffusione di
notizie relative alle inchieste che, in piena campagna
elettorale, "favoriscono sicuramente Grillo, soprattutto per
come vengono proposte. Sono inchieste di cui ancora non
conosciamo i contorni e che, per quanto e' dato sapere,
lasciano intravvedere ampi margini di calunnia e millantato
credito tra i protagonisti della vicenda". (AGI)
Ser
131400 MAG 14

NNNN