+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Sardegna]
INCLUSIONE E INTEGRAZIONE MIGRANTI, SPANU: MESSAGGIO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RAFFORZA NOSTRA CONVINZIONE SU NECESSITA’ DI COSTRUIRE SOCIETA’ PIU’ APERTA E ACCOGLIENTE

martedì 1 gennaio 2019

Cagliari, 1 gennaio 2019. “Le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella rafforzano la nostra convinzione che sia possibile costruire anche in Sardegna una società più aperta e accogliente nei confronti di chi è portatore di culture differenti e di chi è arrivato sin qui dopo aver lasciato la sua terra devastata da guerre, povertà, devastazioni di vario genere”.

Lo ha detto l’assessore degli Affari Generali Filippo Spanu commentando il messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica.

“Ci riconosciamo – chiarisce Spanu - nel messaggio del presidente Mattarella perché interpreta nel migliore dei modi i valori fondanti di ogni comunità che deve essere aperta al dialogo e al confronto con il mondo esterno perché il dialogo e il confronto sono aspetti che fanno crescere tutti, chi accoglie e chi viene accolto. Solo così, con questi valori di civiltà pienamente attuati, possiamo sconfiggere i demoni dell’intolleranza, dell’odio e del pregiudizio”.

“Di grande rilevanza  - aggiunge l’esponente della Giunta – anche ciò che il Capo dello Stato dice a a proposito del senso di comunità che è un altro valore essenziale, che aiuta a sentirsi meno soli e ad affrontare con spirito unitario tutte le sfide che abbiamo di fronte compresa quella di creare una società più aperta e multirazziale”.

“Noi proseguiamo nella strada intrapresa con progetti finalizzati all’inclusione e all’integrazione dei richiedenti asilo e dei titolari di protezione internazionale che vivono nei Cas e nell’ambito degli Sprar. Nei giorni scorsi – ricorda Spanu – il ministero dell’Interno ha approvato un nostro progetto per la formazione linguistica dei cittadini stranieri e nei prossimi giorni sarà all’attenzione della Giunta una delibera con l’aggiornamento del Piano per l’accoglienza dei flussi migratori non programmati. Altre iniziative, nel solco di quelle già realizzate nel corso del 2018, caratterizzeranno l’inizio del 2018: in particolare voglio segnalare l’incontro in Sardegna con la delegazione del Governo ugandese guidata dal vice premier Moses Ali che costituisce l’ideale prosecuzione della nostra missione nel paese subsahariano per la stipula, ad Adjumani, di un accordo di cooperazione con la sub-regione del Madi West Nile per il trasferimento di buone pratiche nel campo dell’approvvigionamento idrico e della gestione delle risorse forestali”.