+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Toscana]
Regione e università toscane a Bruxelles: "Importante sostenere la ricerca di base"

martedì 5 marzo 2019

 

Scritto da Walter Fortini, martedì 5 marzo 2019 alle 15:20

FIRENZE - Con una sola voce. La Toscana e le sue sette università e scuole di eccellenza si sono presentate insieme a Bruxelles, con la vice presidente Monica Barni, per dire la loro sul futuro della ricerca europea e del programma Horizon Europe, che dal 2021 gestirà gran parte dei finanziamenti. Non dimentichiamo la ricerca di base, avvertono. "E' necessaria per la ricerca applicata" spiega la vice presidente. "Serve il giusto equilibrio - aggiungono rettori e prorettori –. Sono infatti necessarie tutte e due: altrimenti non ci può essere innovazione".

Le università toscane hanno dato via qualche mese fa a Tour4Eu, un'organizzazione con base a Bruxelles che vuol fare da catalizzatore per i finanziamenti europei destinati alla ricerca ma anche rafforzare la presenza degli atenei in Europa. Ne fanno parte le Università di Firenze, Pisa, Siena, Università per stranieri di Siena, Scuola Imt Alti Studi Lucca, Scuola Normale Superiore e Scuola Superiore Sant'Anna.

"Ieri e oggi - ricorda Barni - abbiamo presentato i risultati di una scelta politica forte della Regione Toscana, che ha voluto sempre di più creare una collaborazione fra gli atenei e i centri di ricerca toscani, con l'intento di porre al centro dello sviluppo sociale ed economico della nostra regione l'alta formazione e la ricerca". "Ieri, ad esempio, prosegue – abbiamo avuto un momento di discussione molto importante con il direttore generale Paquet, che ci ha presentato quelle che pensa saranno le novità del programma Horizon Europe e che potrebbero essere interessanti e promettenti per le nostre università".

Barni non nasconde che uno degli obiettivi che ha portato a sostenere da parte della Regione la nascita di Tour4Eu sia proprio quello di creare un sistema delle università toscane: presentarsi uniti aiuta e rende più forti, aiuta lo sviluppo della Toscana, soprattutto se si accompagna ad una internazionalizzazione delle comunità scientifica,e e facilita anche le sinergie. E a proposito di sinergie, in questo caso tra fondi strutturali e fondi diretti, la vice presidente si sofferma durante al termine del suo intervento sul programma Cofund Marie Curie. "Potrebbe essere - dice - un momento di sperimentazione di questa sinergia tra fondi strutturali e fondi diretti, al momento rimasta solo a parole".