Verso il processo costituzionale telematico. Sottoscritto oggi un accordo di cooperazione istituzionale fra la Corte Costituzionale e la Conferenza delle Regioni

martedì 5 dicembre 2017

 

Roma, 5 dicembre 2017 (comunicato stampa) Dare impulso al processo costituzionale telematico: è questo l’obiettivo dell’accordo sottoscritto oggi al Palazzo della Consulta dal Segretario Generale della Corte Costituzionale, Carlo Visconti, e dal Segretario Generale della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Marina Principe.
Il senso dell’accordo è quello di avviare un processo nel quale, progressivamente - in via sperimentale e sulla base delle norme vigenti - comunicazioni, notificazioni e adempimenti delle parti e della Corte possano essere eseguiti telematicamente, con valore legale ed in via esclusiva. 
La Corte Costituzionale ha già stipulato in questa direzione specifici protocolli d’intesa per l’avvio di una prima fase sperimentale con la Camera dei Deputati, il Senato della Repubblica e il Consiglio nazionale forense.
In questo contesto si inserisce il Protocollo con la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. 
Secondo quanto previsto in una prima fase si lavorerà per la notifica in via esclusiva e telematica delle sentenze e delle ordinanze della Corte attraverso il domicilio informatico delle amministrazioni regionali.
Un gruppo di lavoro verificherà l'implementazione e monitorerà in seguito le ulteriori fasi del processo costituzionale telematico.

 

 

Carlo Visconti, Segretario Generale della Corte Costituzionale

Marina Principe, Segretario Generale della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

 


time
0.047s