Header
Header
Header
         

News

Il video integrale della Conferenza stampa

Emergenza cinghiali: Caner, tutte le Regioni chiedono un provvedimento urgente da parte del Governo

giovedì 14 luglio 2022

 

Roma, 14 luglio 2022 (comunicato stampa) “L’emergenza cinghiali interessa ormai tutti i territori ed è urgentissimo un intervento normativo del Governo per modificare la legge 157 del 1992 con l'ampliamento del periodo di caccia al cinghiale e la possibilità da parte delle Regioni di effettuare piani di controllo e selezione nelle aree protette”. Lo ha ribadito Federico Caner (Assessore della Regione del Veneto e coordinare della Commissione Politiche Agricole della Conferenza delle Regioni) nel corso di un incontro con la stampa nella sede della Conferenza delle Regioni al quale hanno partecipato (in presenza e in videocollegamento) tutti gli Assessori delle Regioni e delle Province autonome ed il Presidente della Coldiretti, Ettore Prandini.
"Occorre superare l’oltranzismo di una parte estremista del mondo ambientalista e fare i conti con la realtà e con i numeri dell’emergenza cinghiali.
Siamo di fronte ad un problema gravissimo che può diventare irrisolvibile se non si interviene subito".
Quattro gli allarmi lanciati oggi da Caner.
“La devastazione dei terreni che sta compromettendo diversi raccolti con danni economici rilevantissimi per l’agricoltura del nostro Paese.
La questione sanitaria con le necessità di prevenzione rispetto al diffondersi della peste suina africana.
La sicurezza dei cittadini minacciata sempre più dalla presenza dei cinghiali anche nei centri abitati o nei luoghi turistici e dalla frequenza di incidenti stradali, spesso anche gravi, causati da questi ungulati.
Il decoro urbano che subisce un danno evidente di immagine, collegato alla presenza di branchi, con ricadute negative sul turismo.
Il provvedimento che stiamo richiedendo al Governo – e che è stato condiviso con il Ministero della Transizione ecologica e a livello tecnico anche con Ministero delle Politiche agricole – consentirebbe alle Regioni di poter utilizzare leve importanti per contenere il fenomeno entro limiti accettabili anche con azioni temporanee. E il fatto che lo abbiano invocato oggi a gran voce gli assessori di tutte le Regioni dovrebbe essere – ha concluso Caner - un elemento sufficiente per accelerarne il varo”.
 


Emergenza cinghiali: conferenza stampa a Roma degli Assessori delle Regioni

Le Regioni attendono da tempo un provvedimento del Governo per affrontare con efficacia l’emergenza cinghiali, prevendendo l'ampliamento del periodo di caccia al cinghiale e la possibilità di effettuare piani di controllo e selezione nelle aree protette. Ma "Dopo quasi 60 giorni, - dichiara il coordinatore della Commissione politiche agricole della Conferenza delle Regioni, l’assessore del Veneto, Federico Caner - tutto ancora tace”.

Emergenza cinghiali: Conferenza stampa degli Assessori della Commissione Agricoltura - 14.07.2022

Emergenza cinghiali: Conferenza stampa della Commissione Agricoltura della Conferenza delle Regioni - 14.07.2022

Emergenza cinghiali: Caner, coordinatore commissione politiche agricole Conferenza Regioni - 14.07.2022



Emergenza cinghiali: giovedì 14 luglio, alle ore 11.00 conferenza stampa degli Assessori delle Regioni - Evento di denuncia in programma presso la sede della Conferenza delle Regioni a Roma in via Parigi 11 - Caner: "Che fine ha fatto il decreto del ministero della Transizione ecologica Cingolani-Gava?  Basta promesse, territori in ginocchio"

martedì 12 luglio 2022

Roma, 12 luglio 2022 (comunicato stampa) Circa due mesi fa, su indicazione della commissione Politiche agricole della Conferenza delle Regioni e su delega del ministro alla Transizione ecologica Roberto Cingolani, la sottosegretaria Vannia Gava aveva proposto una bozza di decreto interministeriale che prevedeva due sostanziali modifiche all'articolo 19 della legge 157 del 1992: l'ampliamento del periodo di caccia al cinghiale e la possibilità da parte delle Regioni di effettuare piani di controllo e selezione nelle aree protette.

"Dopo quasi 60 giorni, - dichiara il coordinatore della Commissione politiche agricole della Conferenza delle Regioni, l’assessore del Veneto, Federico Caner - tutto ancora tace: non si ha più alcuna notizia del decreto e del suo iter anche se pare che la proposta del MITE sia da tempo stata inviata ai ministeri concertanti. Siamo dinanzi a un incredibile affronto verso tutti gli assessori regionali che hanno sostenuto all'unanimità l'iniziativa, così come tutti i Presidenti delle Regioni che l'avevano approvata in Conferenza delle Regioni e, soprattutto, nei confronti dell'intero mondo agricolo, che paga a caro prezzo le conseguenze devastanti di un'emergenza cinghiali ormai già fuori controllo".

"Crediamo - aggiunge - che il tempo delle false promesse e delle inutili attese sia davvero terminato, così come quello di posizioni estremiste e completamente fuori dalle realtà, che all'interno del governo stesso stanno ostacolando di fatto una proposta capace di dare una prima, vera risposta efficace all'emergenza!

Per tali ragioni, abbiamo deciso tutti insieme di convocare un incontro con lo stampa il prossimo 14 luglio alle 11 presso la sede della Conferenza delle Regioni a Roma (in via Parigi 11) . Un evento di denuncia, per alzare ulteriormente l'attenzione mediatica e per fare chiarezza su un problema gravissimo, che col passare dei giorni rischia di diventare irrisolvibile".

"Noi assessori delle Regioni e delle Province autonome- conclude Caner - continuiamo a lottare in prima linea a tutela dei nostri territori, ma dobbiamo essere messi nelle condizioni di farlo. Oggi il Governo, o meglio parte di esso, non ce lo consente. Le manifestazioni di protesta, in caso di mancate risposte, saranno sempre più eclatanti".

(2022-095sm)

AVVISO PER ACCREDITO STAMPA

I giornalisti che intendano partecipare alla conferenza stampa sono pregati di inviare un accredito (specificando nome e cognome, testata e e recapito cellulare) via e-mail a ufficio.stampa@regioni.it .

In sede sarà indispensabile l’utilizzo delle mascherine FFP2 in sede



Go To Top