Autostrade: Toti, siamo in guerra; intervenga genio militare

martedì 26 novembre 2019


ZCZC
AGI0006 4 CRO 0 R01 /


(AGI) - Genova, 26 nov.- "Siamo in guerra, siamo in emergenza,
siamo a Stalingrado: il governo si deve far carico, da oggi e
fino al ripristino delle condizioni di normale vivibilita', di
tutto quello che accade: trasporti, come e' successo per il
Morandi, dei terminal portuali se dovremo tenerli aperti di
notte, dell'intervento del genio militare, di tutto perche'
siamo in una vera situazione di emergenza". Lo ha detto il
governatore ligure, Giovanni Toti, dopo la fine della riunione
in Prefettura a Genova a seguito dell'annuncio di Aspi della
chiusura di un tratto di A26 per verifiche tecniche su due
viadotti. (AGI)
Ge4/Ril
260044 NOV 19

NNNN


ZCZC
AGI0014 4 CRO 0 R01 /

 (2)=
(AGI) - Genova, 26 nov. - Per aiutare la compromessa viabilita'
della Liguria "dovremo intervenire sui treni e il servizio
pubblico locale: pensiamo alla gratuita' totale. Un pezzo se ne
dovra' far carico il governo nazionale, un pezzo il
concessionario, o comunque il governo rivalendosi poi sul
concessionario", ha detto Toti.  "E' bene che tutti quanti
abbiano consapevolezza che la Liguria oggi e' isolata e tutto
il traffico grava sulla A7 in un periodo di punta del traffico
portuale per l'imminenza del Natale - ha proseguito il
governatore - questo comportera' un danno incalcolabile per
questa regione, per questa citta' e l'economia intera del Nord
ovest. Non c'e' una categoria oggi esclusa da un danno
straordinario".
    Per Toti "servono interventi di assoluta emergenza, nella
messa in sicurezza, nella ricostruzione: si sommano emergenze
su emergenze avviandosi verso la paralisi. Si poteva evitare di
arrivare a questo? Al netto di quanto accaduto per il fronte
maltempo, certamente si'. Vorrei sapere come si e' impiegato il
tempo in questo anno e 4 mesi" dal crollo del Morandi "se non
con un inseguirsi di denunce e controdenunce". Sempre
riferendosi alla tragedia del 14 agosto 2018, Toti ha aggiunto:
"ad un anno e 4 mesi dal Morandi ci troviamo una chiusura
repentina e inaspettata - per quanto ci riguarda - e che
abbiamo comunicato noi al governo, in una situazione slabbrata
dal punto di vista della comunicazione". Ora bisogna mettersi
al lavoro, insiste Toti: "Le istituzioni locali anche stavolta
si rimboccheranno le maniche. Ci aspettiamo di avere risposte
dal governo nelle prossime ore, con interventi di emergenza
anche dal punto di vista costruttivo con l'impiego del genio
militare e tutto quello che di stra-urgente si puo' fare e
mettere in campo come se fossimo in tempo di guerra. Le
istituzioni locali possono metterci una toppa, ma non possiamo
reggere questa situazione oltre una settimana". (AGI)
Ge4/Ril
260108 NOV 19

NNNN