+T -T


RDC: CONSULENTI DEL LAVORO, ''CHIARIRE FIGURA NAVIGATOR''

martedì 5 febbraio 2019


ZCZC
ADN0562 7 ECO 0 ADN ECO NAZ

      =

      Roma, 5 feb. (Adnkronos/Labitalia) - Chiarire la figura del navigator.
E'' la richiesta che arriva dal Consiglio nazionale dell''Ordine dei
consulenti del lavoro che oggi è stato in audizione al Senato sul ddl
di conversione del decreto legge su reddito di cittadinanza e quota
100.
      "Pur condividendo la finalità -si legge nel documento presentato oggi
dai consulenti del lavoro in commissione- di aumentare il numero degli
operatori addetti al servizio delle politiche attive per il lavoro,
occorre che si chiarisca il ruolo e la figura del cosiddetto
''navigator'', prevista nel decreto legge. Non si comprende, infatti,
dove tali soggetti sarebbero fisicamente collocati e con quale modello
organizzativo opererebbero. Va tenuto, infatti, in considerazione che
le attività connesse alla stipula del patto per il lavoro sono di
pertinenza dei centri per l''impiego e, laddove previsto dalle leggi
regionali, degli operatori privati accreditati, che per tali funzioni
utilizzano proprio personale".
      "Allo stesso modo, per le attività di gestione dell''assegno di
ricollocazione è prevista la presenza di tutor, ma anche in questo
caso sono dipendenti degli operatori stessi. In considerazione del
fatto che le caratteristiche professionali e i titoli di studio
richiesti ai navigator sono parte delle più ampie competenze
professionali dei consulenti del lavoro, si rappresenta la
disponibilità della categoria -continuano i professionisti- a dare il
proprio contributo di professionalità, per il tramite dei propri
iscritti. A tal proposito, si suggerisce di inserire come alternativa
ai requisiti già fissati anche il rimando alla definizione di
''personale qualificato'' di cui all''art.1, comma 2 e 4, del dm
10/4/8/2018 GU n. 117/18".
      (Pal/Adnkronos)
ISSN 2465 - 1222
05-FEB-19 13:15
NNNN