RIFIUTI: REGIONI, 'PESCATORI ECOLOGICI' CONTRO LA SPAZZATURA IN MARE

giovedì 24 ottobre 2019


ZCZC
ADN0680 7 CRO 0 ADN CRO INT

      Roma, 24 ott. (Adnkronos) - (di Enzo Bonaiuto) Nasce la figura del
'pescatore ecologico'. O, almeno, questo è l'auspicio della Conferenza
delle Regioni che, nella sede del Cinsedo a Roma, ha approvato un
documento con il quale si chiede che la 'spazzatura' recuperata in
mare dai pescatori, tirando su le reti con il pescato, non sia più
classificata come rifiuto speciale, con tutti gli aggravi che ciò
comporta a livelli di costi e di pratiche burocratiche e con il
rischio che anziché essere smaltita correttamente venga in qualche
modo ributtata in mare, ma come rifiuto solido urbano.

      "Uno dei problemi che i nostri pescatori trovano è quando loro in
mare, tirando le reti, tirano anche rifiuti, che sono classificati
come rifiuti speciali, con enorme aggravio di costi e di complicazione
burocratica per i nostri pescatori - osserva il presidente del Molise
Donato Toma - Noi, come Conferenza delle Regioni, vorremmo promuovere
un cambiamento, a livello europeo anzitutto e poi a livello nazionale,
per la classificazione di questi rifiuti: i pescatori che alzando le
reti incappano in questi rifiuti avrebbero più facilità di smaltirli
se fossero classificati come rifiuti solidi urbani. Così il pescatore
potrebbe essere definito come uno spazzino del mare nell'accezione più
nobile e più bella, un operatore a tutela dell'ambiente e del mare".

      Anche per il presidente dell'Abruzzo Marco Marsilio, "occorre evitare
il paradosso per il quale i pescatori che tirano su dal fondo marino
dei rifiuti siano quasi incentivati a rigettarli in mare, per evitare
di dover pagare le conseguenze di uno smaltimento come rifiuti
speciali, che diventa molto oneroso e a volte anche davvero
problematico. Abbiamo chiesto l'assimilazione di questi rifiuti come
rifiuti solidi urbani, cercando di attivare una pratica virtuosa che
faccia dei pescatori nostri alleati nella pulizia dei mari, evitando
che la plastica continui a restare nei fondali marini".

      (Bon/Adnkronos)

ISSN 2465 - 1222
24-OTT-19 13:24

NNNN