==Autonomia: Fontana, sì alla legge Boccia ma tempi brevi

venerdì 15 novembre 2019


ZCZC1070/SXA
XSP19379_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB

   (ANSA) - ROMA, 15 NOV - Nessuna chiusura sulla bozza di legge
sull'autonomia regionale firmata dal ministro per gli Affari
regionali Francesco Boccia. "Oggi c'è qualcosa di scritto, è una
proposta più concreta e almeno se ne comincia a parlare. Diciamo
che mi preparo all'incontro con spirito positivo", anche se "va
detto che quello che vedo per ora non aggiunge molto al
dibattito. Ô un richiamo ad una legge che c'è già, la numero 42
del 2009". Lo afferma il governatore della Lombardia, Attilio
Fontana, in un'intervista al Sole 24 Ore in cui chiede tempi
brevi.
   I problemi "al momento li vedo nel metodo. La procedura
prevede ora un pre-passaggio, un preaccordo da mandare a Camera
e Senato per avere un parere. Non era necessario, ma non sono
così negativo. Mi desta più preoccupazione - spiega Fontana - il
fatto che la legge possa essere emendabile: il testo può essere
stravolto, magari da parlamentari di altre regioni, e non
risponderebbe più alle richieste del territorio".
   Nel merito, la valutazione dei nuovi costi standard (i Lep)
"è inutile, perché nella sanità, il principale comparto
regionale, i costi standard già ci sono, si chiamano Lea",
rileva Fontana. "Per quanto riguarda l'istruzione, competenza
che noi chiedevamo, il ministro non è intenzionato a cederla.
Quindi cosa rimane da valutare con i costi standard? Forse
qualcosa nella cultura, piccole cose".
  Sulla scuola, Zaia spiega che la Regione andrà avanti con una
propria legge. "Il fatto che ci sia la sentenza della Corte
costituzionale del 2004 mi rassicura. Più la leggo e più credo
che l'istruzione possa rientrare tra le competenze regionali.
Sono pronto a impugnare un'eventuale bocciatura",
conclude.(ANSA).

     Y89-CIA
15-NOV-19 09:47 NNN