Autonomia: A. Fontana, da Boccia buona volontà a concludere

venerdì 6 dicembre 2019



ZCZC3560/SXA
OMI09380_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB

   (ANSA) - MILANO, 6 DIC - Sulla legge quadro per l'Autonomia
differenziata "siamo d'accordo. Speriamo che adesso qualche
fibrillazione non metta i bastoni tra le ruote al ministro, che
mi sembra veramente intenzionato da buona volontà a concludere
questo percorso". Lo ha detto il presidente della Regione
Lombardia Attilio Fontana parlando della bozza di ddl presentata
dal ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia su cui
c'è stato l'ok della conferenza Stato-Regioni.
   "Io non ho mai avuto nulla contro questa legge quadro perché
non fa che ripetere i contenuti della legge 42 del 2009 che è
stata approvata da un governo di centrodestra e parlava dei
costi standard e dei lep sui quali noi siamo assolutamente
d'accordo" ha ribadito Fontana intervistato a Centocittà su Rai
Radio 1.
   Sulla definizione dei livelli essenziali di prestazioni, il
governatore ha comunque specificato che la "sanità ha già i
lea", mentre "l'istruzione è una materia sulla quale ci sarà
'conflitto' tra le Regioni che la chiedono e il Governo centrale
perché il ministro ha già detto che non vuole concedere nulla,
quindi i lep per adesso sono abbastanza ininfluenti. Tutte le
altre materie possono essere trasferite immediatamente, senza
determinare i lep". Sulla scuola il governatore ha anche
rimarcato che le richieste della Lombardia riguardano
l'organizzazione e non i programmi. "Sgombriamo il campo - ha
detto - da quelli che dicono 'vogliono fare dei programmi
diversi, una scuola diversa; No, noi vogliamo tutelare gli
studenti della Lombardia che quest'anno hanno iniziato l'anno
scolastico con 14 mila cattedre scoperte". (ANSA).

     YYI-MF
06-DIC-19 12:45 NNN