Tav: Cirio, è il futuro del Paese, felici che si faccia

venerdì 26 luglio 2019



ZCZC2624/SXA
OTO50206_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB

   (ANSA) - TORINO, 26 LUG - "Con le parole del premier Conte è
arrivato il momento dell'irrevocabilità dell'opera, con la
pubblicazione dei bandi e l'invio dei capitolati. La Tav si fa,
lo diciamo da tempo, e noi siamo tutti felici e contenti perché
è il futuro del Piemonte e del Paese". Non ha dubbi che si vada
avanti con la realizzazione della Torino-Lione il presidente
della Regione Piemonte, Alberto Cirio.
   "Per bloccarla, il Parlamento avrebbe dovuto votare una legge
ma non c'è una maggioranza contro la Tav - aggiunge il
governatore ai microfoni di Rai Radio 1 -. Questo è il motivo
che ci ha sempre riempito di sicurezza, oltre alle parole del
vicepremier Salvini, che è venuto in visita ai cantieri e che
all'indomani anche delle ultime elezioni europee aveva
dichiarato che il successo della Lega era una garanzia ulteriore
che la Tav si sarebbe fatta"
   Come Regione Piemonte, ricorda ancora Cirio, "abbiamo
lavorato attivamente. Ho partecipato all'ultimo Cda di Telt e lì
abbiamo messo a bando tutte le tratte. Perché gli industriali
non finanziano l'opera? Perché pagano le imposte", conclude
Cirio rispondendo a una obiezione del professor Ponti, che ha
coordinato l'analisi costi-benefici sull'opera. (ANSA).

     GTT
26-LUG-19 11:55 NNN