Ponte: Toti, in Milleproroghe no fondi ampliare risarcimenti

venerdì 20 dicembre 2019


ZCZC4497/SXR
OGE88605_SXR_QBXW
R POL S56 QBXW


   (ANSA) - GENOVA, 20 DIC - "Sono preoccupato perché nella bozza
del Milleproroghe arrivata in Conferenza delle Regioni c'è la
proroga dei lavoratori assunti per l'emergenza del ponte
Morandi, ma non ci sono risorse per allargare la platea dei
risarcimenti e non viene rifinanziato il servizio straordinario
di trasporto pubblico su gomma e ferro a Genova". Lo sottolinea
il presidente della Regione Liguria e commissario per
l'emergenza del ponte Giovanni Toti stamani a Genova. Toti
spiega che da inizio 2020 a Genova c'è il rischio di un taglio
dei treni lungo l'asse Savona-Sestri Levante, quasi un milione
di chilometri di tpl in più per Amt e Atp, le aziende del
trasporto locale, del servizio notturno della metropolitana. "Se
queste voce non saranno rifinanziate, useremo i residui di
bilancio, ma entro la metà di gennaio tutti i servizi di colpo
cesseranno e si ritornerà alla situazione del trasporto pubblico
ante ponte Morandi - paventa - con la ricostruzione del ponte
non ancora completata, la A6 e la A26 con i problemi che
conoscete". Per una proroga di almeno sei mesi nel 2020 dei
servizi di Tpl attivati dopo il crollo del ponte Morandi
servirebbero circa 25 milioni di euro. (ANSA).

     YTM-CH
20-DIC-19 14:24 NNN